BASILICA DI SANT’APOLLINARE IN CLASSE
Via Romea sud, 224 - 48125 Ravenna
Direzione e uffici: tel. 0544 543710 / 543720

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

posta certificata: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Web & social

https://www.facebook.com/Museo-Nazionale-di-Ravenna-e-siti-Unesco-1699829993585679/?fref=ts

 biglietteria e bookshop: 0544 52 73 08

e-mail biglietteria: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Orari di apertura

da lunedì a sabato 8.30 - 19.30

(chiusura biglietteria e ultimo ingresso 30 minuti prima degli orari indicati)

Domenica e festività religiose: 13.00 - 19.30

chiuso nei giorni 1 gennaio, 25 dicembre

 

Ingresso

intero € 5,00

ridotto € 2,50 cittadini europei tra i 18 e i 25 anni

gratuito per tutti i cittadini di età inferiore a 18 anni e ogni prima domenica del mese

sono previste ulteriori agevolazioni per l'ingresso

gratuito per i possessori della "Romagna Visit Card"

per tutte le informazioni sull'utilizzo e i punti vendita http://www.romagnavisitcard.it

Accessibilità

tutti gli spazi del monumento sono accessibili direttamente

 

Servizi

all’interno della basilica è presente un pannello informativo multimediale in lingua italiana e inglese

 

 

Carta della qualità dei servizi (aggiornata a ottobre 2017)

 

Mission

Alarico, re dei Visigoti giunse ad Aquileia nel 401 e da qui si diresse su Milano, che cinse d'assedio (402). Onorio, non sentendosi più al sicuro, si trasferì a Ravenna e vi stabilì la nuova capitale dell'Impero d'Occidente. La città cadde nel 476 in mano ad Odoacre cui nel 493 successe Teodorico. Nel 539 venne riconquistata Ravenna, capitale dei Goti e sede prefettizia, e i Bizantini presero a nominarvi propri prefetti. La lunga campagna ebbe termine solamente nel 552-553 con la spedizione risolutiva del generale Narsete. La basilica, la più ampia paleocristina esistente, fu consacrata dal vescovo Massimiano nel 549 d.C. La mission dell'organo di stato che la gestisce è mantenerne la funzione coniugando la fruizione storico culturale con quella religosa.