Festa internazionale dei musei

Bologna, Pinacoteca Nazionale

via Belle Arti, 56
info: 051 4209411 fax 051 251368
www.pinacotecabologna.beniculturali.it

Giovedì 18 maggio

ore 17,00

In occasione della giornata Icom: Musei e storie controverse: raccontare l’indicibile nei musei

Per 18 maggio 2017

Fedeli, infedeli, eretici e martiri
Repressioni, equivoci e conflitti attraverso i dipinti della Pinacoteca di Bologna

a cura di Vladimir Fava

La storia, come la leggenda, è permeata di eventi tragici, di stragi programmate in nome di credenze religiose, di conflitti, equivoci, vendette e crudeltà . Attraverso alcuni dipinti della Pinacoteca è possibile ripercorrere alcuni di questi momenti narrati in differenti testi ed in relazione a popolazioni, religioni ed epoche diverse: la Strage degli Innocenti ordinata da Erode il Grande, re di Giudea; l'uccisione dei cristiani da parte degli Unni, come nel martirio di Sant'Orsola e le undicimila vergini; la battaglia di Clavijo guidata dall’apparizione del “matamoros” San Giacomo durante la "reconquista" della Spagna; la terribile e sanguinaria crociata contro gli albigesi nella Francia meridionale del Duecento proprio in concomitanza con la predicazione di San Domenico; l’inquisitore San Pietro martire e il suo martirio da parte degli eretici catari dell'Italia settentrionale, agli inizi dell'attività del Tribunale dell'Inquisizione, che costituirà il principale braccio armato di repressione da parte della Chiesa Cattolica per quasi cinque secoli.

Il tutto attraverso opere del Maestro della Crocefissione Campana, di Bartolomeo Passerotti, di Ludovico Carracci, Guido Reni e Domenichino.

Sabato 20 maggio

ore 11.00

In occasione della “Festa dei Musei” dedicata al tema: Musei e storie controverse: raccontare l’indicibile nei musei

Per 19 maggio che paura

Che paura!

Attività per bambini dai 5 ai 10 anni

a cura di Mirella Cavalli

Quanti draghi, animali fantastici, bestie feroci si incontrano passeggiando in Pinacoteca! Spesso si nascondono dietro le vesti di dolci fanciulle, oppure affrontano cavalieri coraggiosi o, al contrario, misteriosamente fanno compagnia mansueti a vecchi eremiti. Un po' paura a dire il vero la fanno, ma i personaggi dei nostri dipinti li sanno tenere a bada con estrema sicurezza. Come? Non avete che da venire in Pinacoteca a sentire raccontare le loro storie.

ore 17.00

In occasione della “Festa dei Musei” dedicata al tema: Musei e storie controverse: raccontare l’indicibile nei musei

Per 19 maggio 2017 Museo

Il museo che non c'è

Ritorni e dispersioni dal Musée Napoléon e dalla Pinacoteca Brera dopo la caduta di Napoleone

A seguito della sconfitta di Napoleone iniziò il rientro in Italia di dipinti già sequestrati dalle truppe francesi per il nascente Musée Napoléon di Parigi. Protagonista fu Antonio Canova che fece il possibile, non certo sostenuto da concreti appoggi politici, per recuperare la gran parte del patrimonio soppresso. Fu così che, se a Bologna e in particolare in Pinacoteca tornarono opere celebri come la Santa Cecilia di Raffaello e la Santa Margherita di Parmigianino, rimasero in Francia altrettanti capolavori di Boltraffio, Annibale Carracci, Guido Reni, il Guercino. Anche altre opere, già trasferite alla Pinacoteca di Brera di Milano su scelta di Andrea Appiani, non fecero ritorno e alcune col tempo addirittura scomparvero come l'Abramo nella valle di Mambre di Giorgio Vasari, uno dei tre dipinti già realizzati per San Michele in Bosco, di cui rimangono in Pinacoteca il Cristo in casa di Marta e la Cena di San Gregorio Magno.

Domenica 21 maggio

ore 17.00

In occasione della giornata Icom: Musei e storie controverse: raccontare l’indicibile nei musei

Per 21 maggio 2017

Fedeli, infedeli, eretici e martiri
Repressioni, equivoci e conflitti attraverso i dipinti della Pinacoteca di Bologna

a cura di Vladimir Fava

La storia, come la leggenda, è permeata di eventi tragici, di stragi programmate in nome di credenze religiose, di conflitti, equivoci, vendette e crudeltà . Attraverso alcuni dipinti della Pinacoteca è possibile ripercorrere alcuni di questi momenti narrati in differenti testi ed in relazione a popolazioni, religioni ed epoche diverse: la Strage degli Innocenti ordinata da Erode il Grande, re di Giudea; l'uccisione dei cristiani da parte degli Unni, come nel martirio di Sant'Orsola e le undicimila vergini; la battaglia di Clavijo guidata dall’apparizione del “matamoros” San Giacomo durante la "reconquista" della Spagna; la terribile e sanguinaria crociata contro gli albigesi nella Francia meridionale del Duecento proprio in concomitanza con la predicazione di San Domenico; l’inquisitore San Pietro martire e il suo martirio da parte degli eretici catari dell'Italia settentrionale, agli inizi dell'attività del Tribunale dell'Inquisizione, che costituirà il principale braccio armato di repressione da parte della Chiesa Cattolica per quasi cinque secoli.

Il tutto attraverso opere del Maestro della Crocefissione Campana, di Bartolomeo Passerotti, di Ludovico Carracci, Guido Reni e Domenichino.

Ravenna

Sabato 20 maggio

“Il Patrimonio per i bambini”

Su richiesta saranno in distribuzione gratuita materiali didattici presso la Basilica di Sant’Apollinare in Classe e il Museo Nazionale di Ravenna

Saranno organizzate alcune visite guidate a cura del personale di Accoglienza:

ore 9.30         visita guidata a Sant’Apollinare in Classe

ore 10.30       visita guidata al Palazzo di Teodorico

ore 11. 45      visita guidata al Battistero degli Ariani

Alla Basilica di Sant’Apollinare in Classe

“Lo spettacolo della Cultura”

Presentazione di un filmato sull’architectural video mapping Visioni di Eterno - Teoderico il Grande in collaborazione con Comune di Ravenna

Al Mausoleo di Teodorico

“Lo spettacolo della Cultura”

Presentazione di un filmato sull’architectural video mapping “Visioni di Eterno – L’Ascesa Invisibile” in collaborazione con Comune di Ravenna

Al Museo Nazionale:

“ Il racconto del Patrimonio”

Ore 15.45      visita guidata ad alcune collezioni del Museo nazionale di Ravenna a cura del personale di Accoglienza

“Dietro il Patrimonio”

ore 17             presentazione del nuovo allestimento della sala della devozione bizantina

“Largo all’esperto”

ore 18            presentazione del volume “Sant’Apollinare in Classe. Frammenti di una storia” a cura di Emanuela Fiori e Paola Novara

Domenica 21 maggio

Festa dei Musei

Il Patrimonio per/di tutti

Alla Basilica di Sant’Apollinare in Classe

“La Basilica e il territorio”

presentazione e distribuzione di materiali storico-divulgativi in collaborazione con l’Associazione Classe Archeologia e Cultura

Presentazione di un filmato sull’architectural video mapping “Visioni di Eterno – L’Ascesa Invisibile” in collaborazione con Comune di Ravenna

Al Mausoleo di Teodorico

Presentazione di un filmato sull’architectural video mapping “Visioni di Eterno – L’Ascesa Invisibile” in collaborazione con Comune di Ravenna

Al Museo Nazionale

Ore 17

Museo e Musica

Concerto in collaborazione con ERConcerti

Ferrara, Museo Archeologico Nazionale

Sabato 20

Ore 18.00

Visita guidata al Museo e ai suoi luoghi nascosti

Visita guidata a cura della Direzione del Museo al percorso espositivo e ad alcuni luoghi solitamente non accessibili al pubblico.

Domenica 21.00

Ore 15.00

Mosaico Anch'Io

Laboratorio per bambini con introduzione alle più antiche tecniche pavimentali di Spina fino ai mosaici delle ville romane.

A cura del Gruppo Archeologico Ferrarese

Ferrara, Museo di casa Romei

Via Savonarola, 28-30 Ferrara
tel. 0532 234130

email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sabato 20

Ore 16.00

Prove di canto rinascimentale e barocco

a cura del Conservatorio G. Frescobaldi di Ferrara

Ore 19.00

Alla scoperta dei segreti e dei tesori nascosti
Visita guidata a cura del Direttore del Museo di Casa Romei

Ore 21.00

Musiche alla corte di Isabella e Lucrezia

Prove aperte e piccolo concerto a cura dell’Associazione Fenice Estense
con Miho Kamiya (soprano), Perikli Pite (viola da gamba),
Elena Masina Dirani (clavicembalo)

Domenica 21

Ore 11.00

Saggio della Classe di Canto rinascimentale e barocco
Prof.ssa Gloria Banditelli, Conservatorio G. Frescobaldi di Ferrara

Bologna, Pinacoteca Nazionale

via Belle Arti, 56
info: 051 4209411 fax 051 251368
www.pinacotecabologna.beniculturali.it

Dal 2 maggio al 4 giugno

ore 17.00

Ri-connessioni

Capolavori della Pinacoteca da chiese distrutte o soppresse di Bologna

Come è noto la gran parte delle opere della Pinacoteca provengono da chiese della città. Per alcune di esse, distrutte o completamente trasformate, la Pinacoteca diventa il principale luogo della memoria, raccogliendo tutti o la gran parte dei dipinti da esse provenienti. Il ciclo di incontri, guidato da giovani studiosi dell'Università di Bologna, si pone l'obiettivo di ri-connettere tra loro luoghi e opere,.

L’antico arredo figurativo della chiesa di San Leonardo a Bologna

a cura di Gianluca del Monaco

La chiesa di San Leonardo in Via San Vitale a Bologna, di antica origine medievale e chiusa al culto in seguito a un bombardamento aereo del 1943, conservava un prezioso patrimonio figurativo, formatosi soprattutto tra il Cinquecento e il Settecento, quando vi ebbero dimora le monache cistercensi di Sant’Orsola. Attraverso l’esame della letteratura artistica di epoca barocca e degli inventari napoleonici, possono idealmente ritrovare il loro contesto originario le opere superstiti, dal polittico di Simone dei Crocifissi alle tele di Ludovico Carracci e di Elisabetta Sirani, oggi ancora visibili alle Collezioni Comunali d’Arte e alla Pinacoteca Nazionale di Bologna.

 

Venerdì 5 maggio

ore 16.30
Pinacoteca Nazionale di Bologna

Per 5 maggio 2017

La rosa nell’arte

Un percorso attraverso i dipinti della Pinacoteca di Bologna

Conferenza a cura di Elena Rossoni

Organizzata in occasione della Festa dell’amicizia promossa da Inner Wheel Club Bologna

La rosa, “regina dei fiori”, è presente nella cultura sin dalla remota antichità ed è raffigurata nell'arte con ruoli e significati diversi. Attraverso i dipinti della Pinacoteca Nazionale di Bologna, si possono percorrere le sue rappresentazioni all'interno dell'arte sacra, della mitologia, dell'allegoria, del ritratto, della natura morta. Artisti come Francesco Francia, i Carracci, Guido Reni, il Domenichino o Giuseppe Maria Crespi, raffigurarono nelle loro opere il fiore carico di riferimenti mariani, idea d'assoluta bellezza ma anche d'inesorabile vanitas.

 

Giovedì 11 maggio

ore 17.00
Pinacoteca Nazionale di Bologna

Per 11 maggio 2017

Ri-connessioni

Capolavori della Pinacoteca da chiese distrutte o soppresse di Bologna

Come è noto la gran parte delle opere della Pinacoteca provengono da chiese della città. Per alcune di esse, distrutte o completamente trasformate, la Pinacoteca diventa il principale luogo della memoria, raccogliendo tutti o la gran parte dei dipinti da esse provenienti. Il ciclo di incontri, guidato da giovani studiosi dell'Università di Bologna, si pone l'obiettivo di ri-connettere tra loro luoghi e opere,.

L’antico arredo figurativo della chiesa di San Leonardo a Bologna

a cura di Gianluca del Monaco

La chiesa di San Leonardo in Via San Vitale a Bologna, di antica origine medievale e chiusa al culto in seguito a un bombardamento aereo del 1943, conservava un prezioso patrimonio figurativo, formatosi soprattutto tra il Cinquecento e il Settecento, quando vi ebbero dimora le monache cistercensi di Sant’Orsola. Attraverso l’esame della letteratura artistica di epoca barocca e degli inventari napoleonici, possono idealmente ritrovare il loro contesto originario le opere superstiti, dal polittico di Simone dei Crocifissi alle tele di Ludovico Carracci e di Elisabetta Sirani, oggi ancora visibili alle Collezioni Comunali d’Arte e alla Pinacoteca Nazionale di Bologna.

Sabato 13 e Domenica 14 maggio

Pinacoteca Nazionale di Bologna e Palazzo Pepoli Campogrande

WOW

Progetto a cura del Touring Club Italiano

Il Touring Club Italiano ha sviluppato un progetto di alternanza scuola-lavoro indirizzato a percorsi di coinvolgimento di giovani ragazzi in attività di volontariato culturale. L'iniziativa sfocerà nelle giornate del 13 e 14 maggio in oltre 50 luoghi e 21 città italiane. Tra questi, le due sedi della Pinacoteca Nazionale di Bologna, Sant’Ignazio in via Belle Arti 56 e Palazzo Pepoli Campogrande in via Castiglione 7. I ragazzi del liceo Galvani, preparati dai volontari Touring, accoglieranno i visitatori in entrambe le sedi dalle ore 10,00 alle ore 18,00.

 

Domenica 14 maggio

ore 16.30

Pinacoteca Nazionale

Per 14 maggio

Una Pinacoteca da favola!

Mezzaratta, una storia a fumetti

Cambiano i tempi, cambiano le mode, cambiano le culture. Ma le espressioni del viso, quelle che raccontano la gioia, la sofferenza, l’attenzione, la diffidenza, il nostro linguaggio muto rimane nei secoli e nelle culture invariato. Gli affreschi di Mezzaratta, vere e proprie strisce disegnate, riprendono vita con l'aiuto delle nostre espressioni e con la partecipazione di un abilissimo fumettista, maestro nel disegno e nella caratterizzazione dei personaggi.

Si accettano massimo 30 persone (tra adulti e bambini) a incontro, la prenotazione è obbligatoria all'indirizzo e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Giovedì 18 maggio

ore 17,00

Pinacoteca Nazionale

In occasione della giornata Icom: Musei e storie controverse: raccontare l’indicibile nei musei

Per 18 maggio 2017

Fedeli, infedeli, eretici e martiri
Repressioni, equivoci e conflitti attraverso i dipinti della Pinacoteca di Bologna

a cura di Vladimir Fava

La storia, come la leggenda, è permeata di eventi tragici, di stragi programmate in nome di credenze religiose, di conflitti, equivoci, vendette e crudeltà . Attraverso alcuni dipinti della Pinacoteca è possibile ripercorrere alcuni di questi momenti narrati in differenti testi ed in relazione a popolazioni, religioni ed epoche diverse: la Strage degli Innocenti ordinata da Erode il Grande, re di Giudea; l'uccisione dei cristiani da parte degli Unni, come nel martirio di Sant'Orsola e le undicimila vergini; la battaglia di Clavijo guidata dall’apparizione del “matamoros” San Giacomo durante la "reconquista" della Spagna; la terribile e sanguinaria crociata contro gli albigesi nella Francia meridionale del Duecento proprio in concomitanza con la predicazione di San Domenico; l’inquisitore San Pietro martire e il suo martirio da parte degli eretici catari dell'Italia settentrionale, agli inizi dell'attività del Tribunale dell'Inquisizione, che costituirà il principale braccio armato di repressione da parte della Chiesa Cattolica per quasi cinque secoli.

Il tutto attraverso opere del Maestro della Crocefissione Campana, di Bartolomeo Passerotti, di Ludovico Carracci, Guido Reni e Domenichino.

 

Sabato 20 maggio

ore 11.00

Pinacoteca Nazionale di Bologna

In occasione della “Festa dei Musei” dedicata al tema: Musei e storie controverse: raccontare l’indicibile nei musei

Per 19 maggio che paura

Che paura!

Attività per bambini dai 5 ai 10 anni

a cura di Mirella Cavalli

Quanti draghi, animali fantastici, bestie feroci si incontrano passeggiando in Pinacoteca! Spesso si nascondono dietro le vesti di dolci fanciulle, oppure affrontano cavalieri coraggiosi o, al contrario, misteriosamente fanno compagnia mansueti a vecchi eremiti. Un po' paura a dire il vero la fanno, ma i personaggi dei nostri dipinti li sanno tenere a bada con estrema sicurezza. Come? Non avete che da venire in Pinacoteca a sentire raccontare le loro storie.

ore 17.00

In occasione della “Festa dei Musei” dedicata al tema: Musei e storie controverse: raccontare l’indicibile nei musei

Per 19 maggio 2017 Museo

Il museo che non c'è

Ritorni e dispersioni dal Musée Napoléon e dalla Pinacoteca Brera dopo la caduta di Napoleone

A seguito della sconfitta di Napoleone iniziò il rientro in Italia di dipinti già sequestrati dalle truppe francesi per il nascente Musée Napoléon di Parigi. Protagonista fu Antonio Canova che fece il possibile, non certo sostenuto da concreti appoggi politici, per recuperare la gran parte del patrimonio soppresso. Fu così che, se a Bologna e in particolare in Pinacoteca tornarono opere celebri come la Santa Cecilia di Raffaello e la Santa Margherita di Parmigianino, rimasero in Francia altrettanti capolavori di Boltraffio, Annibale Carracci, Guido Reni, il Guercino. Anche altre opere, già trasferite alla Pinacoteca di Brera di Milano su scelta di Andrea Appiani, non fecero ritorno e alcune col tempo addirittura scomparvero come l'Abramo nella valle di Mambre di Giorgio Vasari, uno dei tre dipinti già realizzati per San Michele in Bosco, di cui rimangono in Pinacoteca il Cristo in casa di Marta e la Cena di San Gregorio Magno.

Domenica 21 maggio

ore 17.00

Pinacoteca Nazionale

In occasione della giornata Icom: Musei e storie controverse: raccontare l’indicibile nei musei

Per 21 maggio 2017

Fedeli, infedeli, eretici e martiri
Repressioni, equivoci e conflitti attraverso i dipinti della Pinacoteca di Bologna

a cura di Vladimir Fava

La storia, come la leggenda, è permeata di eventi tragici, di stragi programmate in nome di credenze religiose, di conflitti, equivoci, vendette e crudeltà . Attraverso alcuni dipinti della Pinacoteca è possibile ripercorrere alcuni di questi momenti narrati in differenti testi ed in relazione a popolazioni, religioni ed epoche diverse: la Strage degli Innocenti ordinata da Erode il Grande, re di Giudea; l'uccisione dei cristiani da parte degli Unni, come nel martirio di Sant'Orsola e le undicimila vergini; la battaglia di Clavijo guidata dall’apparizione del “matamoros” San Giacomo durante la "reconquista" della Spagna; la terribile e sanguinaria crociata contro gli albigesi nella Francia meridionale del Duecento proprio in concomitanza con la predicazione di San Domenico; l’inquisitore San Pietro martire e il suo martirio da parte degli eretici catari dell'Italia settentrionale, agli inizi dell'attività del Tribunale dell'Inquisizione, che costituirà il principale braccio armato di repressione da parte della Chiesa Cattolica per quasi cinque secoli.

Il tutto attraverso opere del Maestro della Crocefissione Campana, di Bartolomeo Passerotti, di Ludovico Carracci, Guido Reni e Domenichino.

Bologna, ex chiesa di San Mattia

Via S.Isaia 14/a - 40123 Bologna

info: 051 4209411

dal 4 maggio al 29 ottobre 2017

van gogh XP

"Van Gogh Alive Experience"

orari:

lun-gio 10.00-20.00

ven-sab 10.00-23.00

dom 10.00-21.00

Biglietto intero: 14 euro

Biglietto ridotto: 12 euro

Per tutte le infomrazioni, riduzioni, agevolazioni: http://www.vangoghbologna.it

Il biglietto dà diritto all'ingresso ridotto alle collezioni della Pinacoteca Nazionale di Bologna e di Palazzo Pepoli Campogrande

Museo Nazionale di Ravenna

Via San Vitale, 17 - 48121 Ravenna

Direzione e uffici: 0544 543724
 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 tel. biglietteria concessionario: 0544 215618

Domenica 7 maggio

ore 17.30

#domenicalmuseo

Laboratori creativi e poesia al Museo Nazionale di Ravenna

Letture poetiche da i libri Bambinitudine e Tana libera tutti a favore dell’Associazione Piccoli Grandi Cuori Onlus

In contemporanea per i ragazzi

Cuore di Mamma

laboratori ludico creativi multi materiali per confezionare piccoli oggetti

Non occorre prenotazione

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Tutte le offerte raccolte saranno devolute a PGC

 

Giovedì 11 maggio

immagine di copertina del volume " cinque segreti"

ore 17.30

presentazione del volumetto Cinque segreti in città

In occasione della Manifestazione Meraviglie segrete, giunta alla settima edizione, sarà presentato presso il Refettorio del Museo Nazionale il libretto a cura di Paola Novara e Maria Patrizia Matteucci: Cinque Segreti in città, realizzato in collaborazione con il Polo Museale ER Sede di Ravenna.

L’agile pamphlet è concepito come guida e approfondimento alle passeggiate tra arte e natura che sono state uno degli appuntamenti più partecipati della scorsa edizione. La manifestazione mira infatti a far conoscere lo splendore di un territorio che rivela un antico amore per la cura dell'ambiente circostante, non solo per quanto riguarda il plein air, ma anche per i tesori di arte e architettura.

A presentare il libro saranno le autrici, Paola Novara e Maria Patrizia Matteucci, insieme al direttore del Museo Nazionale Emanuela Fiori.

Meraviglie Segrete è una manifestazione organizzata dall’Associazione Giardino&Dintorni, con il Patrocinio dei Comuni di Ravenna, Lugo, Fusignano, Alfonsine, Bagnacavallo e Russi.

 

Sabato 13 maggio

Foto del chiostro

ore 17

Fiori di pietra. Meraviglie segrete all’ombra dei chiostri

Nell’ambito dell’iniziativa Meraviglie Segrete alle ore 17 presso il Museo un doppio appuntamento con la visita guidata di Ilaria Lugaresi e la performance coreutica del gruppo Vere Sustanze.

La visita guidata è dedicata ai reperti conservati nei suggestivi chiostri dell’antico monastero benedettino. I chiostri, antichi giardini dell’anima, erano nei monasteri i luoghi privilegiati dell’incontro con Dio. Luogo carico di una forte valenza teologica, morale, spirituale e mistica, il Secondo Chiostro del Museo Nazionale di Ravenna conserva da circa un secolo frammenti di grande interesse storico, decorativo e architettonico legati all’identità cittadina.

A seguire, un quadro coreografico dal titolo "Rimembri Ancora" liberamente ispirato alla vita e poesia di Giacomo Leopardi e basato sul tema del ricordo. Un lavoro tra teatro e danza del  Gruppo VERE SUSTANZE, gruppo sperimentale di giovani danzatori amatoriali. Regia e coreografia di Michael D'Adamio. Interpreti: Michael D'Adamio, Cristina Di Paolo, Elisa Vittoria Martini, Michela Benzoni, Virginia Rossi, Federica Lippi, Martina Barchi, Monica Massari, Elisa Utili.

Ingresso gratuito per i partecipanti all’evento senza necessità di prenotazione.

A seguire, performance Rimembri ancora a cura della Scuola di Danza Vere Sustanze

Prosegue, fino al 20 agosto la mostra:

Locandina mostra "impronte"

Impronte | Le matrici della prima Guida di Corrado Ricci

La mostra presenta i materiali utilizzati per la realizzazione della prima guida turistica moderna di Ravenna, realizzata dall'allora diciannovenne Corrado Ricci nel 1878, con gli apparati iconografici costituiti da 53 xilografie che illustrano interni ed esterni di monumenti storici di Ravenna.

 

Ravenna, vari monumenti

Sabato 20 maggio

“Il Patrimonio per i bambini”

Su richiesta saranno in distribuzione gratuita materiali didattici presso la Basilica di Sant’Apollinare in Classe e il Museo Nazionale di Ravenna

Saranno organizzate alcune visite guidate a cura del personale di Accoglienza:

ore 9.30         visita guidata a Sant’Apollinare in Classe

ore 10.30       visita guidata al Palazzo di Teodorico

ore 11. 45      visita guidata al Battistero degli Ariani

Alla Basilica di Sant’Apollinare in Classe

“Lo spettacolo della Cultura”

Presentazione di un filmato sull’architectural video mapping Visioni di Eterno - Teoderico il Grande in collaborazione con Comune di Ravenna

Al Mausoleo di Teodorico

“Lo spettacolo della Cultura”

Presentazione di un filmato sull’architectural video mapping “Visioni di Eterno – L’Ascesa Invisibile” in collaborazione con Comune di Ravenna

Al Museo Nazionale:

“ Il racconto del Patrimonio”

Ore 15.45      visita guidata ad alcune collezioni del Museo nazionale di Ravenna a cura del personale di Accoglienza

“Dietro il Patrimonio”

ore 17             presentazione del nuovo allestimento della sala della devozione bizantina

“Largo all’esperto”

ore 18            presentazione del volume “Sant’Apollinare in Classe. Frammenti di una storia” a cura di Emanuela Fiori e Paola Novara

 

Domenica 21 maggio

Festa dei Musei

Il Patrimonio per/di tutti

Alla Basilica di Sant’Apollinare in Classe

“La Basilica e il territorio”

presentazione e distribuzione di materiali storico-divulgativi in collaborazione con l’Associazione Classe Archeologia e Cultura

Presentazione di un filmato sull’architectural video mapping “Visioni di Eterno – L’Ascesa Invisibile” in collaborazione con Comune di Ravenna

Al Mausoleo di Teodorico

Presentazione di un filmato sull’architectural video mapping “Visioni di Eterno – L’Ascesa Invisibile” in collaborazione con Comune di Ravenna

Al Museo Nazionale

Ore 17

Museo e Musica

Concerto in collaborazione con ERConcerti